CHATBOT E AI

CHATBOT E AI
CHATBOT E AI

Gli esperti di Business Insider prevedono che entro il 2021 l'80% delle aziende utilizzerà i chatbot. La ragione fondamentale della loro adozione è che i chatbot ridurranno i costi del servizio clienti del 30%.

 

Naturalmente non è matematico che l’adozione dei chatbot porti a tali risultati. Occorre seguire alcune semplici regole per sfruttarli a pieno.



1. Il tuo chatbot deve rispondere come un essere umano, ma non deve fingere di esserlo.

Il tuo chatbot deve pensare come un essere umano, ma non deve comportarsi come tale. Indipendentemente dal tuo settore, quando crei o scegli il tuo chatbot, l'obiettivo non dovrebbe essere quello di renderlo umano, ma di renderlo utile e bravo in quello che fa.

Essere chiari su cosa può fare il tuo chatbot aiuterà i visitatori a vivere un'esperienza più positiva. È, importante, quindi, prevedere un'introduzione che inviti l’utente a compiere una prima azione.

Inoltre, non dimenticare di dare al tuo chatbot una personalità che rifletta il tono e il mood della tua attività. Sebbene il tuo chatbot non sia in grado di fornire un'interazione uomo a uomo al 100%, dargli una personalità può aiutarti a connetterti con i tuoi visitatori e creare un'esperienza di servizio al cliente automatizzata e perfettamente umana.

Se lo fai correttamente, i tuoi visitatori potrebbero dimenticare in pochi secondi che stanno chattando con i robot basati su AI.


2. Scegli accuratamente il tuo fornitore di soluzioni chatbot

I chatbot funzionano, ma solo quando forniscono una buona esperienza. Per fare ciò, devono essere progettati correttamente. Mentre alcuni di essi sono progettati in modo da essere scalabili e adattabili a realtà enterprise, la maggior parte di essi sono solo risponditori automatici realizzati in maniera amatoriale.

Per scegliere correttamente il tuo fornitore di chatbot inizia trovando le risposte a queste domande:

  • La piattaforma supporta più canali?
  • Offre una vasta gamma di servizi?
  • Il fornitore ha esperienza nel tuo settore?
  • Quale livello di sicurezza fornisce?
  • Sono facili da integrare con altri prodotti SaaS (Software as a Service, software come un servizio) che stai utilizzando?
  • Intende usare la propria piattaforma per costruire robot?


Trovare un fornitore di soluzioni chatbot è molto semplice. Scegliere quello giusto non lo è.
Dedica un po 'di tempo e sforzi alla ricerca prima di sceglierne uno.



3. Fatti un'idea di come funziona l'IA conversazionale.

Integrare assistenti e chatbot intelligenti nella tua attività non è difficile. Lo è utilizzarli in modo efficace.

Secondo un’indagine condotta da Forrester sul mercato americano, il 73% degli utenti infatti non torna ad utilizzare un servizio di chatbot se reduce da una brutta esperienza. 

Entra qui in gioco un elemento fondamentale: la capacità del chatbot di interpretare la conversazione, ovvero di capire il contesto.
Questa è la ragione per cui non basta integrare le tecnologie di IA conversazionale nella propria attività, ma occorre prima mappare adeguatamente la conoscenza della propria azienda ed ottimizzare i processi di gestione della stessa.


4. Alimenta i tuoi chatbot continuamente con dati in tempo reale.

Con i progressi tecnologici, i chatbot hanno fatto molta strada, si stanno evolvendo rapidamente e stanno diventando sempre più sofisticati. Ma c'è ancora molto margine di miglioramento. I dati sono la chiave per rendere davvero efficaci i tuoi chatbot conversazionali.
Più dati ottengono, più scopriranno i modelli comportamentali e migliori saranno i risultati in futuro.

Ricorda, proprio come la tua attività, anche i tuoi chatbot hanno bisogno di essere curati.